Ricetta Gin Tonic: storia, come prepararlo e una variante firmata Elena Spirits

Parliamo di Mixology e vediamo come preparare uno tra i cocktail più noti ed apprezzati al mondo: il Gin Tonic. Qualche cenno storico, la ricetta classica e un piccolo twist firmato Elena Spirits.

Gin, acqua tonica, ghiaccio, limone: sulla carta, ingredienti semplici per un cocktail facile da preparare. Frutto di una ricetta ormai secolare (sembra sia nato nel Settecento all’Università di Leida per mano del Dottor Sylvius, celebre naturalista e medico olandese), ha subito nel corso degli anni continue modifiche e rivisitazioni.

Qual è la ricetta ufficiale? Vediamola subito insieme.

Gin Tonic

Ingredienti

  • 5 cl di Gin
  • 15 cl di acqua tonica fredda
  • 1 limone
  • Ghiaccio

Preparazione

Riempi un bicchiere (meglio un Highball, tumbler alto) con il ghiaccio.

Versa il gin.

Aggiungi l’acqua tonica. Mescola con un bar spoon, lentamente e brevemente, per non sgasare eccessivamente l’acqua tonica.

Ricava dalla scorza di limone una striscia, spremila leggermente e lasciala cadere nel bicchiere.

La storia del Gin Tonic: dalle aule dell’Università di Leida alle strade di Londra

L’antenato del Gin Tonic moderno nasce nel 1650 nei Paesi Bassi; sono il naturalista e medico Dottor Sylvius e altri stimati colleghi a lavorare alla ricetta di una bevanda che potesse curare la malaria. Un problema importante per i soldati olandesi impegnati sul fronte orientale delle colonie indiane.

Il Jenever olandese (liquore medico) arriva in Inghilterra nel XVII secolo. Qui i sudditi di sua Maestà iniziano a produrre una versione locale della bevanda olandese, che prenderà il nome di Gin.

Più o meno negli stessi anni, gli Spagnoli importarono in Europa la corteccia di Cinchona, un albero che gli indigeni sudamericani utilizzavano come rimedio per la febbre. Si scoprì che il tonico ottenuto dalla Cinchona aveva proprietà antimalariche, e così nacque il Chinino.

Facciamo un salto in avanti al 1794. Un chimico tedesco di nome Johann Jacob Schweppe crea la soda. Una bevanda medicinale che possiamo considerare una primitiva acqua tonica, alla quale vennero aggiunte in seguito dolcificante e anidride carbonica. Ora abbiamo i due ingredienti base del Gin Tonic, dobbiamo solo attendere che si incontrino!

Nel XVIII secolo gli inglesi colonizzano le Indie, portando con sé sia il Gin che l’acqua tonica. La miscela delle due bevande viene aromatizzata con un agrume locale, il lime. La ricetta fa il giro dell’Europa. Dapprima acquisisce popolarità nel Regno Unito, poi arriva in Spagna, in Francia e lentamente si afferma nell’intero continente.

Un successo inarrestabile, se pensiamo che ancora oggi è uno dei cocktail più conosciuti e apprezzati in tutto il mondo.

Elena Gin Tonic

Prova a preparare il Gin tonic con il nostro Elena Gin, London Dry in Langa Style. Al sapore tradizionale degli ingredienti si unirà un piccolo twist di Langa, grazie alla selezione di botaniche locali alle quali ci siamo ispirati quando lo abbiamo immaginato. Uno Spirit opulento, con un sapore ricco e corposo, dalla lunghissima persistenza. Stemperato da un’acqua tonica neutra ed esaltato da limone o lime, darà vista a un Gin Tonic da urlo. Anzi, a un vero Elena Gin Spirit!